Nuovo arrivo…

In questi giorni é arrivato finalmente il nuovo passeggino posturale da tempo richiesto, l’ennesimo presidio per Roby, uno di quelli per cui abbiamo insistito tanto. A prima vista é un passeggino come gli altri, magari un po’ piu ingombrante, ma permetterà a Roby di tenere una postura più corretta e soprattutto, lo stesso passeggino, si potrà modificare “crescendo” praticamente insieme a Roby. Il tutto per una modica cifra..quasi  di 4000 euro…Ora vorrei fare un paio di considerazioni: punto primo, un passeggino,  pur se modificabile, smontabile, reclinabile e spazioso,  può mai arrivare a costare una cifra del genere, visto che rimane comunque un passeggino con 4 ruote che va spinto e non si muove da solo?
Secondo punto: possibile che dobbiamo sentirci dei privilegiati perché in tantissime altre regioni di italia, un presidio del genere se lo possono solo sognare?
Terzo ed ultimo punto: i bambini devono avere tutti gli stessi diritti e le stesse opportunità, per i bambini disabili, ciò deve, anzi purtroppo, dovrebbe valere 1000 volte di più. In un paese normale e civile, ecco appunto…i fondi per la disabilità sarebbero equamente distribuiti tra tutte le regioni, e tutti potrebbero accedervi. Ma qui no, qui o sei sfigato, ma fortunato allo stesso tempo, perché  nasci in una regione “ricca” o semplicemente “ben voluta”… o sei sfortunato due volte, perché ti mettono al mondo in una delle tante regioni dove i fondi scarseggiano o non esistono proprio.
A me personalmente non interessa quale amministratore sia più o meno bravo a gestire i soldi, quale politico sia più o meno corrotto, quale sistema sia più o meno “oliato”, gli adulti i propri amministratori se li possono scegliere dandogli fiducia nelle cabine elettorali, i bambini no, i bambini, a maggior ragione quelli che non nascono con la camicia, non possono e non devono sperare di venire al mondo in una città anziché un altra. La assistenza sanitaria e sociale per i bambini disabili in particolare e per tutti i disabili in generale deve diventare unica ed univoca su tutto il territorio nazionale, senza distinzione di ceto, razza, coordinate geografiche, credo politico ecc…
Forse é un pensiero utopistico, ma se ci fosse anche una sola possibilità perché questo, un giorno, possa diventare realtà, noi non ci tireremmo indietro. Questo post é semplicemente un granello di sabbia in mezzo al deserto, e purtroppo ci sono tantissimi granelli silenziosi che isolati non fanno rumore, ma che se si mettessero a cantare tutti insieme nello stesso momento e tutti lo stesso motivo, si formerebbe una tale tempesta di sabbia, che avrebbe una potenza devastante, capace di qualunque cosa, anche di generare grandi cambiamenti…

Noi non molliamo
To be continued..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *