La leggenda di Cristalda e Pizzomunno…

C’era una volta Il mondo prima di te..ed era bello, era da vivere, era…normale. Poi sei arrivata tu circa 21 mesi e siamo passati da Una vita in vacanza ad un Eterno timore del futuro. Ogni tanto ripenso a quando dicevo a tua mamma: Passame er sale…il dialetto era diverso ma la sostanza era la stessa..
Tanti anni dopo Il segreto del tempo, rimane ancora un mistero da Custodire.
La nostra vita come quella di Frida ci ha insegnato ad Imparare ad amarsi.
Perché poi in fondo noi ci apparteniamo da sempre pur Senza appartenere, i momenti con luce fioca non sono mancati, alcuni completamente bui ed in quegli istanti potevamo solo dirci Almeno pensami e subito dopo, qualunque cosa accada, Non smettere mai di cercarmi.
Non erano facili quegli istanti, non era semplice elaborare, ma ogni tormenta di neve veniva sciolta al solo pensiero di Rivederti. Poi un giorno, quando la vita sembrava scorrere senza particolari movimenti tellurici, ecco che arriva la Lettera dal Duca, che preannuncia l’ arrivo di lei…oh mamma e Adesso? Chissà cosa succederà pensavamo…avevamo paura quando la paura ancora non sapevamo davvero cosa fosse e cosa significasse.
Quella stessa paura, che nei momenti di sconforto ci fa dire che è tutto Così sbagliato, ma guardandola ci fa esclamare quanto sia così meraviglioso averla.
In fondo Ognuno ha il suo racconto il nostro vuole solo essere un omaggio ai tanti, tantissimi che hanno Il Coraggio di ogni giorno
Vorrei che arrivasse un tempo nel quale tu, Roberta, ti voltassi dicendo Non mi avete fatto niente…e non importa se quel tempo sarà per me terreno o meno.
A questo punto non mi resta che salutarvi con il più classico degli Arrivedorci, dicendovi che come sempre:

Noi non molliamo
To be continued…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *